La guida gratuita alla soluzione dei 5 comuni errori che l’85% dei proprietari di pannelli solari compiono quotidianamente, diminuendo la resa dei pannelli e rendendoli addirittura pericolosi

(P.S. L’errore n.5 potrebbe toglierti il sonno…)

Errore #2: CREDERE CHE LA PIOGGIA PULISCA I PANNELLI.

Sbagliato! I pannelli non si lavano da soli vediamo perche’:

  • Infatti l’acqua piovana NON è acqua pulita ma contiene tutto lo smog e la polvere presente nell’aria.

I pannelli non hanno quasi mai un’inclinazione tale da permettere un effetto di dilavamento efficace, anzi spesso si formano delle vere e proprie zone a “bacinella” dove l’acqua ristagna e si creano zone di accumulo che lentamente evaporano lasciando un cospiquo residuo solido sul pannello.

Esempio di come l’acqua piovana non lava i pannelli. La cornice inoltre impedisce il deflusso dell’acqua creando l’effetto bacinella.

  • Lo sporco presente non è semplicemente appoggiato come la polvere ma è una vera e propria pellicola unta che solo con un’azione meccanica viene via.

Errore #3: PULIZIA FAI DA TE

Diciamolo pure, chi non ha provato mai a pulirseli da solo?

In rete ci sono un sacco di consigli su come farlo, molti ci hanno provato e  lo fanno usando le tecniche più strampalate convinti che sia sufficente.

Ma ci sono delle cose da non fare MAI! Almeno Cinque!

LA PRIMA è quella di NON usare mai acqua di rete o pozzo non trattata, ovvero deprivata da minerale e calcare, piuttosto lasciateli come sono

LA SECONDA NON usate mai getti diretti ad alta pressione! Questo sistema rischia di creare infiltrazioni tra gli strati di EVA

( Etilene Acetato  Vinile) e lo strato di Tedlar ( strato di materale Polivinilfluoruro) che protegge le celle di cristallino.

come NON lavare i pannelli

pannello-fotovoltaico-composizione-1

pannello-fotovoltaico-composizione-1

LA TERZA NON salite sul tetto se non siete esperti

Considerate che già con delle condizioni ottimali state lavorando su un tetto!

Siete già in una situazione a forte rischio di caduta.

Mi capita spesso di fare delle considerazioni nel merito delle competenze professionali: l’abitudine e l’addestramento a lavorare in luoghi difficili non si improvvisa.

Alcune cifre possono aiutare a capire meglio:

DATI INAIL

  • caduta per sfondamento di copertura (23,2%);
  • caduta da scala portatile (17,3%);
  • caduta da parte fissa di edificio (12,5%);
  • caduta da ponteggi, impalcature fisse (10,1%);
  • caduta all’interno di varco (10,1%);
  • caduta da mezzi di sollevamento o per lavori in quota

A questo  link potete scaricare il documento dell’INAIL

LA QUARTA NON lavare i pannelli con acqua insufficiente, ovvero con meno di 5 litri al minuto

Questo renderebbe il lavaggio inefficacie e addirittura dannoso.

Infatti una parte viene istantaneamente vaporizzata del calore e quella che viene assorbita dallo sporco ne resta poca e si rischia l’effetto di spalmare lo sporco sull’impianto .

So già che c’è chi dirà: ma io vado a pulirlo quando non c è il sole, oppure alcuni penseranno di farlo quando piove!!

LA QUINTA NON lavare i pannelli con detergenti e con prodotti chimici non adatti

La superficie del pannello è protetta da un vetro temperato che mal sopporta alcuni detergenti anche se blandi poiche’alla lunga rovinano il pannello. Mentre alcuni prodotti chimici utilizzati impropriamente per la rimozione “fai da te” del calcare ed altre problematiche addirittura li danneggiamo irreversibilmente nell’immediato.

Ho testato numerosi prodotti pubblicizzati per la pulizia dei pannelli fotovoltaici e hanno prodotto danni simili a quelli della foto.

Il risultato al lato pratico è l’abrasione dello strato lucido del vetro che opacizza il pannello e lo rende ricettivo allo sporco poiché la microporosità del vetro è stata intaccata.

Rimedi in questi casi non ne esistono.

Consiglio sempre di NON utilizzare alcun tipo di detergente se non sapete cosa state usando.

 

altri articoli della stessa serie

Vertical Works.it-incendio-fotovoltaico

se hai altre domande questi sono i nosri contatti

    captchacopia questo codice qui sotto

    Nota

    Oppure usa i seguenti contatti: